Immobili di Prestigio
Home
Immobili di Prestigio
Altri filtri
0 Immobili Trovati
Trattativa riservata

Bellissimo Attico su Due Piani con Terrazze Panoramiche

ROMA, Centro Storico, Rione Campo Marzio. Nel centro storico romano, in Via Vittoria, strada che collega via del Corso a via del Babuino, al centro dell'area urbana del famoso Tridente, racchiusa dalle vie di Ripetta e del Babuino e centrata su via del Corso, poniamo in vendita un meraviglioso Attico panoramico con terrazza a livello ed una meravigliosa terrazza sovrastante.
L’Attico è posto ai piani 4 e 5 di un classico palazzo d’epoca che ha ben conservato l'aspetto topografico che avevano in antico i quartieri medioevali e rinascimentali del Campo Marzio.
L’abitazione si distribuisce come segue: ampio ingresso, corridoio di collegamento alla zona notte costituita da una camera da letto matrimoniale, un bagno, accessori, stanza guardaroba ed una scala di collegamento al livello superiore costituito da salone doppio, cucina, camera da letto, bagno e locale sottotetto.
Completano la proprietà un terrazzo di mq 35,00 circa, a livello del salone di rappresentanza, ed una meravigliosa terrazza sovrastante padronale di mq 134,00 circa.
Attualmente locato, scadenza contratto giugno 2023, con canone annuo di euro 36.000,00 .
Eccellente opportunità.

Dettagli:
Rione Campo Marzio
Attico 2 livelli
Mq 120,00 coperti
Mq 170,00 terrazze
Mq 160,00 commerciali


VIA VITTORIA:
Vi sono sicuramente tante strade il cui toponimo ha origini discutibili o addirittura misteriose, ma indubbiamente questa via Vittoria offre un caso singolare di toponomastica. Il Rufini nel 1847 affermò che questa via "venne così chiamata perché credesi vi abitassero due fratelli ed un altro giovane che nelle giostre e nelle corse riuscendo più volte vincitori, venivano accompagnati alla loro abitazione coronati di alloro e di olivo con plausi e grida di vittoria". Simpatica ma difficile da accettare, come d'altronde la spiegazione che fa discendere il nome della via dal fatto che qui vi abitarono, durante la Rivoluzione Francese, le zie di Luigi XVI, Adelaide e Vittoria, dimenticando però che il toponimo è più vecchio di almeno due secoli e, inoltre, perché solo Vittoria e non anche Adelaide? Altri ancora indicano un documento, le "Taxae Viarum" del 1617, dal quale risulta che nella via abitava ed operava un tal Stefano Vittoria, tessitore di una certa notorietà: forse è la spiegazione più accettabile.
Questa via collega via del Corso a via del Babuino ed ebbe origine nell'ambito di un'operazione unitaria della struttura urbana del Tridente, episodio che concluse la "renovatio Urbis" del Rinascimento romano, iniziata da papa Leone X (1510) e completata sotto Paolo III.
La via ebbe anche nome "delle Orsoline" per il monastero fondato, insieme alla chiesa denominata dei Ss.Giuseppe ed Orsola, da Camilla Borghese Orsini nella prima metà del Seicento ed interamente ricostruito tra il 1760 e il 1779 da Mauro Fontana e Pietro Camporese il Vecchio. Con l'avvento di Roma capitale e con lo scioglimento delle corporazioni religiose, le Orsoline furono costrette a sgomberare l'edificio che divenne proprietà statale. Nel 1839 i locali dell'ex convento furono concessi all'Accademia di Santa Cecilia e per questo motivo il complesso fu riadattato e ristrutturato: la chiesa venne sconsacrata e divenne sala per concerti, poi utilizzata come sala di recitazione per l'Accademia d'Arte Drammatica.
Un altro ricordo storico che ci attrae è la lapide sopra il portone al civico 60: "S.P.Q.R. GIUSEPPE GARIBALDI NELL'APRILE MDCCCLXXIX (1879) ABITÒ IN QUESTA CASA OVE FU VISITATO DAL RE UMBERTO I - XX SETTEMBRE 1882". Garibaldi alloggiò, quindi, in questa casa ove disegnò dei progetti per far deviare le acque del Tevere ed evitare così le inondazioni della città. Nessun progetto garibaldino fu realizzato (fortunatamente!), anche perché molto fantasiosi, tipo quella di deviare il corso del fiume scavando un'enorme galleria sotto Monte Mario, oppure coprirlo completamente, realizzando sul suo corso un bel boulevard simile a quelli che costituiscono l'orgoglio di Parigi. Quello che fu realizzato, invece, fu il progetto dei muraglioni del Tevere, che, sebbene abbiano definitivamente eliminato le terribili inondazioni del fiume che tante distruzioni causarono, hanno ugualmente modificato l'aspetto del fiume e la sua connessione con la città, distruggendo tanti angoli pittoreschi.

IL RIONE:
Il simbolo araldico del rione Campo Marzio è una mezzaluna in campo azzurro, forse tratto dall'immagine marziale di un cimitero ornato da falce di luna. Infatti Tito Livio racconta che il "campo dei Tarquini consacrato a Marte fu destinato agli esercizi militari e ginnici fin dalla fondazione di Roma". Polo di attrazione della zona, fin da epoca molto antica, era un santuario, l'Ara di Marte. Questo altare era connesso con la funzione principale di questa pianura, quella militare, tanto importante da dare il nome alla zona. Come campo militare decadde assai presto e con l'aumento della cavalleria disposto da Giulio Cesare, il campo militare si spostò a "Centum Cellae" (Centocelle, un nuovo quartiere di Roma) e gli alloggiamenti dei soldati, in particolare gli armati barbari, furono posti sul Celio. Il Campo Marzio non fu abitato fino all'impero, quando entrò a far parte della IX Regio. Il rione fu istituito il 18 maggio 1743 con chirografo di Benedetto XIV. I quartieri medioevali e rinascimentali del Campo Marzio hanno conservato in gran parte l'orientamento e l'aspetto topografico che avevano in antico. Numerose strade seguono ancora il primitivo percorso: non solo la via del Corso ("via Lata") ma anche assi rettilinei formati da via della Scrofa-via di Ripetta; via dei Coronari- via delle Coppelle; via dei Giubbonari-Campo dei Fiori-via del Pellegrino, per citarne solo alcuni. Ciò a causa della continuità di vita che ha consentito la conservazione dell'impianto urbanistico antico. È certamente il rione che più degli altri può vantare i monumenti più famosi al mondo, come piazza del Popolo, piazza di Spagna, la scalinata di Trinità dei Monti ed il Mausoleo di Augusto.




Rif. GGV44

160 mq

2 Camere

2 Bagni

Indirizzo: Attico Via Vittoria
Mq interni: 160
CAP: 00187
Mq esterni: 170
Nazione: Italia
Terrazzo:
Regione: Lazio

Provincia: Roma
Soffitta:
Comune: Roma
Arredi: Parzialmente arredato
Quartiere: Centro Storico
Ascensore:
Località: Rione Campo Marzio


Stato di manutezione: Ottimo
Tipologia: Appartamento
Anno di costruzione: 1550
Destinazione: Residenziale
Classe energetica: G
Piano: Attico

Locali: 5
Contratto: Vendita
Camere: 2
Stato: Occupato
Bagni: 2
Esposizione: Vista panoramica
Attico:
Rif.: GGV44

Indirizzo: Attico Via Vittoria
CAP: 00187
Nazione: Italia
Regione: Lazio
Provincia: Roma
Comune: Roma
Quartiere: Centro Storico
Località: Rione Campo Marzio

Tipologia: Appartamento
Destinazione: Residenziale
Piano: Attico
Locali: 5
Camere: 2
Bagni: 2
Esposizione: Vista panoramica
Attico:

Mq interni: 160
Mq esterni: 170
Terrazzo:

Soffitta:
Arredi: Parzialmente arredato
Ascensore:

Stato di manutezione: Ottimo
Anno di costruzione: 1550
Classe energetica: G

Contratto: Vendita
Stato: Occupato
Materiale informativo
Materiale informativo

Condividi
rina
Sede Pinciano - Direzione generale
  • Indirizzo: Via Po 37 - 00198 Roma
  • Recapito telefonico: (+39) 06 85305436
  • Fax: (+39) 06 85304319
  • Email
Sede Prati - Uffici legali
  • Indirizzo: Piazza Giuseppe Mazzini, 8 - 00195 Roma
  • Recapito telefonico: (+39) 06 32650056
  • Fax: (+39) 06 8607969
  • Email
Sede legale - Amministrazione
  • Indirizzo: Via Po 37 - 00198 Roma
  • Recapito telefonico: (+39) 06 86216066
  • Fax: (+39) 06 85304319
  • Email


c'è casa e casa
Copyright 2017 Immobili di Prestigio srl - P.IVA 05984961002